Usare il routing dinamico tramite RIP sotto Fedora

La topologia della rete non è complicata,ma non volete impostare a mano route statiche.I vostri router usano Fedora.Il protocollo RIP viene configurato esattamente allo stesso modo sia sotto Debian che sotto Fedora.L’unica differenza è che i demoni vengono avviati in modo diverso,Fedora ha un file di controllo per ciascun demone.Configurate zebra.conf,ripd.conf e vtysh.conf come nell’articolo che parla di RIP in Debian e proteggete il file allo stesso modo.

Se abilitate i file di avvio di zebra e ripd:

Continua a leggere

Usare il routing dinamico tramite RIP sotto Debian

La topologia della vostra rete non è complicata,ma non volete impostare a mano route statiche e i vostri router usano debian o distribuzioni basate su di esso.Ci sono du e tipolo gie di routing dinamico:interno ed estermo.In questa ricetta useremo il protocollo Routing Information Protocol,il più semplice tra quelli interni.RIP è contenuto nella suite di protocolli di routing Quagga.L’installazione è molto semplice:

# aptitude install quagga

Continua a leggere

Protocolli di routing esterni

Avrete probabilmente già sentito parlare dei protocolli di routing esterni come il BGP (Border Gateway Protocol) e l’EGP (Exterior Gateway Protocol).Per ora non ne parleremo poichè se avete bisogno di utilizzare il BGP avrete un ISP in grado di verificare la vostra configurazione di routing.Ma quando avete bisogno di BGP?Sostanzialmente se siete un ISP o se avete due o più servizi di gestione del traffico che volete configurare in modo da garantire la ridondanza e la continuità del servizio.

Se siete nella situazione di dover garantire a tutti i costi i servizi di connettività IP,considerate se non sia il caso di affidarvi a un servizio di hosting,invece che tenere i server in casa.Risparmierete molti grattacapi.

Continua a leggere

Guida OphCrack Cd Live

Quando il nostro computer è usato da più utenti è inevitabile proteggere ogni account con una password, ma basta un vuoto di memoria, oppure un post-it con i nostri appunti finito chissà dove, per non riuscire ad accedere più a Windows. Linux o Mac. Prima di passare alle maniere forti e decidere di formattare tutto pur di recuperare il controllo sul sistema, è bene sapere che sono diversi metodi per cracccare / recuperare la password di accesso del proprio PC. OphCrack Cd Live ad esempio è una chicca che funziona da CD live, non richiede alcuna competenza o tecnicismo. Basta scaricarla, masterizzarla e avviare il PC direttamente dal CD. In pochi minuti la chicca di fornirà tutte le password di tutti gli utenti memorizzati nel PC, non solo quindi il nostro account, ma potremo scoprire anche le eventuali password dell’utenza di Amministratore.

Continua a leggere

1 2 3 4 26